Quasi un mese fa sono andato al cinema per godermi l’ultimo capolavoro di casa Disney: Star Wars VIII; è già abbastanza evidente che mi è piaciuto ma è importante dare un contesto e esprimere le mie motivazioni. Spero possiate apprezzare, ecco a voi la recensione dell’ultimo capitolo di Guerre Stellari.

Indubbiamente il regista Rian Johnson ha voluto esprime un aspetto molto crudo dell’universo di questa saga che si protrae da quasi mezzo secolo, proprio come fece Irvin Kershner con “L’impero colpisce ancora” dove (Spoiler) la ribellione perde contro gli imperiali che, infatti, partono alla grande nel capitolo successivo dove si ritrovano con una seconda Morte Nera ancora più potente.Il film comunque resta sempre in linea con i canoni di Star Wars dove resta sempre quel velo di fantascienza sulla falsa riga del fantasy e qualche mattutina qua e là, come il solito Poe che si sa ridicolizzare al peggio in qualsiasi momento.

Una scena che mi ha colpito molto è stata quella in cui Holdo parte per l’iperspazio schiantandosi contro la flotta degli Star Destroyer di Snoke e per questo posso solo elogiare Johnson che sembra dirigerà anche la prossima trilogia, che potrebbe interessare la Old Republic! Non posso fare a meno di parlare anche della scena delle guardie pretoriani che mi ha, evidentemente, colpito molto, tra i mille colpi di scena, tutti in quei dieci minuti, quel combattimento ci distrae da tutte le teorie che sarebbero potute venire fuori dopo la scena di Snoke, di Kylo Ren e Holdo.

Controllate ed equilibrate le narrazioni parallele tra Rey, il Primo Ordine e la Resistenza. L’unico voto possibile è un 100/100. Davvero, mi ha colpito, emozionato e divertito, un film perfetto per i miei Standard. Spero condividiate le mie opinioni e vi pregherei di scrivere cosa pensate qui sotto. Alla prossima, con affetto, Eich.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vai alla barra degli strumenti